tempu - aikido ponte

Aikido no Hashi
Vai ai contenuti

Menu principale:

biografie

Biografia del Maestro Nakamura Tempu


1876
Nakamura Saburo nacque il 30 luglio del 1876  presso la famiglia Tachibana.
Suo padre Sukeoki del clan Yanagawa nell’isola di Kyushu, la più meridionale del Giappone, trasferitosi a Tokyo divenne dirigente del ministero delle finanze.
Saburo apprese l’inglese fin dalla prima infanzia poiché un consulente britannico del Ministero delle Finanze frequentava  assieme alla moglie la famiglia Nakamura
Sin da giovane imparò varie arti marziali ed il nome di Tempu col quale è conosciuto viene dagli ideogrammi cinesi ten e pu (vento divino) che identificavano uno dei kata della scuola di spada Zuihen-ryu battojutsu, che era il suo cavallo di battaglia.

1902
Arruolatosi nell’esercito  prese parte alla guerra russo giapponese che scoppiò nel 1904 nel corso della quale si fece fama di soldato valoroso che non conosceva la paura e, grazie alla sua spada, il soprannome di Tempu il Tagliauomini. Prese parte anche ad importanti missioni in Manciuria e in Cina in qualità di agente segreto. Fu ferito diverse volte rischiando anche seriamente la vita.

1906
Alla fine del conflitto russo giapponese il maestro Tempu improvvisamente iniziò ad espettorare sangue e i medici gli diagnosticarono circa tre mesi di vita. Mentre fino a quel momento non aveva mai temuto la morte, si trovò invece all’improvviso a dover affrontare tale paura, cosa che lo stupì profondamente.
Nel tentativo di riacquistare la forza e la sicurezza di un tempo intraprese una lunga ricerca medica, religiosa, filosofica e psicologica. Essendo figlio di una famiglia molto influente aveva conoscenze in ambito medico e conosceva anche di persona molti dottori, ma nessuno sembrava in grado di cambiare la sua sorte.

1909
Il maestro Tempu si recò allora negli Stati Uniti dove trovò cure che gli diedero dei miglioramenti, anche se solo temporanei, per cui decise di iscriversi alla facoltà di medicina della Columbia University. Riprese a viaggiare, recandosi anche in Europa dove prese contatti con numerosi esperti di varie forme di medicine,  convenzionali o meno, ricavandone ogni volta profonde esperienze ma senza ricavarne alcun vantaggio per la sua salute.  
Ebbe allora l’intuizione, confortata dalle osservazioni di alcuni importanti scienziati occidentali, che essa potesse derivare da cause interne, psicosomatiche, e che all’interno di se stesso dovesse cercarne le origini e la cura.

1911
Decise allora di tornare in Giappone ad attendervi la morte, ma lungo il tragitto di ritorno incontrò in Egitto un maestro yoga, il cui nome era Kaliapa.
Il maestro diagnosticò a Tempu un polipo ai polmoni, invitandolo a seguirlo sul monte Kanchenjunga nell’Himalaya. Lì rimase tre anni con il maestro Kaliapa, che mise in crisi quanto Tempu aveva fatto fino ad allora, facendogli osservare che non aveva fatto altro che cercare appoggi esterni per uscire da quello che sapeva benissimo essere un suo problema interno e spiegandogli che l’unica via per  migliorare il proprio essere è di cercare l’armonia con l’universo e con l’energia naturale che ne promana (ki secondo la terminologia giapponese).
Durante questo periodo la malattia svanì.   

1913
Alla fine dei tre anni decise di fare ritorno in Giappone, dove riuscì anche ad avere molto successo a livello sociale, divenendo presidente di una banca e manager di diverse aziende.
Nakamura non tornò mai in India, né incontrò mai più Kaliapa.

1919
All’età di 43 anni abbandonò i suoi impegni di lavoro, decidendo di diffondere le sue conoscenze. Fondò  così l’Associazione per l’Unificazione di Corpo e Spirito tramite la fondazione del Toitsu Tetsui Gakkai (poi rinominato Tempukai) iniziò l’insegnamento dello  Shin Shin Toitsu-ho, metodo di Unificazione di Corpo e Spirito.
La sua fama crebbe rapidamente, e nel giugno del 1925, una delle sue conferenze venne trasmessa per radio. Negli anni successivi l’associazione si diffuse attraverso tutto il Giappone, e nel 1940 prese il nome definitivo di Tempukai.

1968
Il 1 dicembre 1968 Nakamura Tempu morì all’età di 92 anni.
Il suo metodo utilizza in vari gradi e sfumature sia le tecniche occidentali di sperimentazione scientifica sia le conoscenze dello yoga sia quelle ancestrali del mondo giapponese legato al buddismo esoterico ed alle arti marziali, che il maestro continuò a praticare ininterrottamente per tutta la vita.
Avendo studiato medicina negli Stati Uniti il maestro Tempu era al tempo stesso medico e filosofo e uno dei suoi obiettivi è stato quello di spiegare le filosofie orientali, che sono abbastanza enigmatiche, in termini semplici, moderni e contemporanei. Tra i discepoli del maestro Tempu ne troviamo alcuni che  divennero primi ministri, capi militari ed addirittura anche membri della corte imperiale, personaggi famosissimi nella storia del Giappone. E’ storicamente provato che fosse in contatto col maestro Ueshiba Morihei, e la maggior parte dei praticanti dell’Hombu Dojo nell’immediato dopoguerra, praticava allo stesso tempo al Tempukai. Tra i maestri di aikido in cui si notano maggiori influenze delle idee e dell’insegnamento di Tempu vi è, oltre al maestro Tada, il maestro Koichi Tohei, la sua arte è infatti a volte definita come shinshin toitsu aikido oltre che come ki-aikido.  

Alla base dell’insegnamento del maestro Tempu ci sono il karma yoga e l’hatha yoga. Seguendone gli insegnamenti è possibile applicare alla nostra vita, alla vita moderna,  contemporanea i fondamenti della via dello shinpo, ossia la via della ricerca dei principi spirituali, la via della concentrazione dello spirito. Negli insegnamenti del maestro Tempu troviamo anche come educare e come condurre l’insegnamento nell’epoca contemporanea. Dentro agli insegnamenti del maestro Tempu si trovano principi validi non solo per l’aikido ma soprattutto per l’innalzamento delle energie vitali di ognuno di noi, applicabili alla vita quotidiana.
Aikido no hashi Carema (TO) fr. Airale via Chiussuma C.F. 90021870077
Torna ai contenuti | Torna al menu